Kaori

E’ da quanto ho memoria che la pubblicità della philadelphia recita: “con il 55% di grassi in meno”

Ora, o vogliono dimostrare a tutti i consumatori il concetto matematico di “limite” come Il mito di Achille che rincorre la tartaruga, o una dozzina di anni fa il philadelphia era PURO grasso con del sapore di formaggio.

Non so bene il perchè ma non credo che la kraft voglia dimostrare a tutti il concetto di “limite”…

Annunci
Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , | Lascia un commento

Se ne sentiva il bisogno… Tamarri di tutto il mondo, unitevi!

Dopo le tette, i culi, i VIP(s), i rialiti a base di tette e culi di tamarri bifolchi e burini; dopo i finti programmi di chirurgia plastica per additare fenomeni da baraccone mutilati e sfigurati e farselo venire duro dopo una giornata di lavoro con le tette finte… finalmente italia 1 getta via la maschera della falsità ed evita di rifugiarsi dietro a finti programmi di informazione e divulgazione pseudoscientifica e va diritta al nocciolo della questione dedicando un intero programma a ciò che più sta a cuore a tutta mediaset e ai suoi affezionati telespettatori: i tamarri.

TAMARREIDE: un nuovo rialiti a base di gnocche tinte con piercing sopra al labbro, trucidoni lampadati con il sopracciglio depilato che sgommano con la Golf gti sul raccordo per fare il verso al Capo dei Coatti il Baronetto di sua Maestà Ignoranza Fabrizio Corona, un Q.I. medio non superiore a 50, congiuntivi e condizionali inesistenti, cocteils nei locali più in, borse di Pravda e un numero non meglio precisato di gomme da masticare, occhiali da sole e “cioè” usati come punteggiatura.

Perchè non bastava doversi difendere dai tamarri e dai coatti ogni giorno salendo sulla metro, non bastava averceli affianco a lavoro, al supermercato o per strada, in campagna, in città ma anche e soprattutto al mare… da domani dovremmo guardarci le spalle e difenderci anche laddove pensavamo di essere più al sicuro, dentro casa nostra, nell’intimità del nostro salone!

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , | 4 commenti

Messaggi

Nell’arcinota pubblicità del profumo “Light Blue” D&G, famosa marca di moda che fa pagare ai propri affezionati consumatori ed estimatori un paio di mutande la miserevole cifra di 40 euro, oltre al tizio muscoloso al quale ogni ragazza del globo vorrebbe asciugare quella fastidiosa acqua marina dalle labbra, dai pettorali, dagli addominali e dal prepuzio (con la propria vagina), c’è anche un ciak…e anche un bel 69 su di esso. Forse uno scherzo, forse solo una trovata pubblicitaria con evidenti rimandi erotici a cui gli italiani non possono evidentemente mai fare a meno, o forse (magari) un suggerimento per quelle ragazze che non trovano la forza per superare la timidezza e fare ai propri ragazzi ciò che vorrebbero e sarebbero dispostissime a fare al tizio muscoloso in questione…?

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Poste Italiane

Il servizio è disponibile dalle ore 06.30 alle ore 23:30

Messaggio appena comparso sul sito delle poste alla sezione postepay.
Sono penosi, se devo controllare il mio saldo dopo le 23.30 non posso, chissà perchè? Manutenzione server forse? Una notte intera di manutenzione server? O forse stanno dando da mangiare alle scimmie ammaestrate che quotidianamente validano i dati di accesso degli utenti ed effettuano tutte le operazioni online. In tal caso buonanotte piccole scimmiette ammaestrate sottopagate.

Pensandoci bene in effetti al posto delle scimmie che costano troppo e sporcano potrebbero usare un picchio, ora ovviamente in manutenzione. Qui una diapositiva del modello di picchio in uso alle poste.

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

La gente (vera)

«Sei mai stato innamorato?»
«L’amore è per la gente vera».
«Tu sembri vero».
«La gente vera non mi piace».
«Non ti piace?»
«La odio».

da “Factotum” di Charles Bukowsky

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Anacronismi

Non ho idea del nome del modello, della marca o del perchè. So solo che sono fastidiosi. Questi “nuovi” occhiali che fanno impazzire ragazzi e ragazze di tutto il mondo, attratti da quel fascino “vintage”, “retrò”non va più bene a quanto pare, donato al volto dalla celluloide e dalle resine plastiche.

Ora anche essere geek, o nerd, va di moda. Se poi vuoi avere quell’aria sorniona da piccolo intellettuale (fallito) che mangia pasticcini equosolidali seduto su un gradino di pietra mentre legge copie consunte di un qualche libro di poesie francesi di inizio secolo comprato in una bancarella in centro mentre girava con la sua reflex a fotografare gomme da masticare appiccicate ai muri… allora si, hai finalmente trovato gli occhiali fatti apposta per te. Se poi frequenti la facoltà di architettura e sei donna non puoi non averli in pandan con le tue nuove all stars (già) distrutte e la camicia aperta con le maniche rimboccate.

Ormai l’ossessione, il livello di svuotamento cerebrale indotto dalla pubblicità, da qualche tossina contenuta nell’acqua o più semplicemente dall’autodegenerazione dei tessuti stessi ha portato molte “persone” a cercare disperatamente paia di occhiali con lenti neutre (non graduate) pur di omologarsi all’omologabile. Così, nell’età d’oro delle conquiste scientifiche tanto agognate da secoli in campo ottico e oftalmico, vedi laser per curare la miopia, si è deciso che in realtà portare gli occhiali e quindi spacciarsi per degli handicappati (d’altronde la miopia è un handicap) va di moda. Attendo con ansia il giorno in cui Armani, Gucci, Prada, Valentino e tutti gli altri inseriranno nelle loro collezioni (e faranno diventare oggetto di culto, così come è successo per gli occhiali) anche bastoni per ciechi e sedie a rotelle.  Ci sarà da ridere.

DIO, che fastidio!

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , | 6 commenti

C.S.I.

La mia genitrice si vede C.S.I.

ho tentato più e più volte di farle capire che fa schifo e che ormai è solo la brutta copia di se stesso ma sembra non recepire, ormai è talmente assuefatta e lobotomizzata da 40 minuti a puntata di rapper su SUV neri blindati e imbottiti di splendidi culi danzerini che non si rende minimamente conto del fatto che la scientificità su cui si dovrebbe basare ha in realtà la credibilità di un vasetto di nutella che non fa ingrassare.

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Interessanti parallelismi

Studiando il modo di neutralizzarlo, visto che non si riusciva ad attribuirgli crimini diretti per la sua esperta capacità di organizzarli (oltre che per la protezione omertosa, che gli forniva alibi impeccabili) […] si assegnò al caso una squadra di agenti federali del Dipartimento del Tesoro, comandata da Eliot Ness e composta da un pool di super-esperti e incorruttibili funzionari che si erano guadagnati il nomignolo di “Intoccabili”.

Questi si misero alle costole di Capone analizzando ogni più piccolo movimento finanziario sospetto, ma Capone non aveva nulla di intestato, agiva sempre attraverso prestanome e le contabilità illecite erano gestite tramite codici, perciò il boss restava sufficientemente tranquillo. Sinché non si trovò, per caso, un piccolo fogliettino nel quale era citato il nome di Capone. Fu la chiave di volta dell’intera operazione.

Fonte: Wikipedia

Non importa per cosa, non importa più nemmeno il come o il perchè. Fosse anche per somma di ammonizioni durante il derby o per divieto di sosta, per sfuttamento della prostituzione o per concussione… basta che ce lo togliate di torno una volta per tutte visto che gli italiani non sono capaci di aprire gli occhi e di farlo da sè.

Pubblicato in Notizie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

Natale

Il più bel film natalizio di sempre e la sua colonna sonora, una delle poche cose che sopporto del Natale

Buon Natale

 

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Scoperte

Ho appena scoperto che la mia genitrice ha comprato all’ufficio postale una “cassetta” (un DVD in realtà, ma per lei sono sempre cassette) di un film con Nicolas Cage. 20,90 Euro.

E’ seguita un’animata discussione che verteva su:

L’amministrazione delle finanze del nucleo familiare.

Sul fatto che se fossi ministro della giustizia metterei fuori legge chiunque acquisti qualcosa in cui recita Nicolas Cage se non un filmato privato di lui che fa sesso con quella grandissima attrice che è sua moglie.

Diversi paragoni che accostavano la capacità della genitrice a effettuare acquisti anche solo lontanamente tecnologici alla capacità di un cieco di fare il giudice di linea a Wimbledon.

 

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento