Io

Un giorno io e mio zio stavamo a casa di mia nonna,  non ricordo per quale motivo ma alla tv c’era l’aula della Camera dei Deputati con dentro un’orchestra che suonava l’inno di Mameli. All’inizio dell’inno mio zio si alzò in piedi, fece alzare in piedi anche me: ragazzino undicenne che probabilmente in quel momento si stava mangiando le unghie, gustandosele, e il massimo della profondità di pensiero con cui  poteva impegnare il proprio cervello era costituita dal dubbio amletico se i pokemon di fuoco fossero più forti di quelli d’acqua. Mio zio si mise la mano sul cuore, mi fece mettere la mano sul cuore e impettito stette lì per tutta la durata dell’inno, io feci lo stesso. Una volta finito mi disse: ti emozioni sentendolo? Pensando a tutte quelle persone che hanno dato la vita per questo inno? Per quello che significa?

Lo guardai e capii che la risposta che gli dovevo dare coincideva con la sola avrebbe accettato: Si.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

One Response to Io

  1. minimetal ha detto:

    senso di appartenenza? io ancora non ho capito cos’è, ma secondo me non lo sa nessuno, in realtà

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...