Interessanti parallelismi

Studiando il modo di neutralizzarlo, visto che non si riusciva ad attribuirgli crimini diretti per la sua esperta capacità di organizzarli (oltre che per la protezione omertosa, che gli forniva alibi impeccabili) […] si assegnò al caso una squadra di agenti federali del Dipartimento del Tesoro, comandata da Eliot Ness e composta da un pool di super-esperti e incorruttibili funzionari che si erano guadagnati il nomignolo di “Intoccabili”.

Questi si misero alle costole di Capone analizzando ogni più piccolo movimento finanziario sospetto, ma Capone non aveva nulla di intestato, agiva sempre attraverso prestanome e le contabilità illecite erano gestite tramite codici, perciò il boss restava sufficientemente tranquillo. Sinché non si trovò, per caso, un piccolo fogliettino nel quale era citato il nome di Capone. Fu la chiave di volta dell’intera operazione.

Fonte: Wikipedia

Non importa per cosa, non importa più nemmeno il come o il perchè. Fosse anche per somma di ammonizioni durante il derby o per divieto di sosta, per sfuttamento della prostituzione o per concussione… basta che ce lo togliate di torno una volta per tutte visto che gli italiani non sono capaci di aprire gli occhi e di farlo da sè.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Notizie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

One Response to Interessanti parallelismi

  1. Davide ha detto:

    Cinicamente perfetto…Elliot Ness attaccando al nomignolo, con l aiuto del C.S.i. viene catturato in una festa Bunga Bunga conil suo vibratore preferito…alla fine un giudice lo condatta a entrare in una setta vegetariana!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...