Cani da cacca

I cani sono indubbiamente begli animali, non più belli o più fichi dei gatti, sia ben chiaro, ma pur sempre begli animali.

l’unico vero problema dei cani è l’impegno che ci devi mettere affinché non crescano o diventino schizzoidi, sporchi da fare schifo o ti caghino in casa. Tutto qui. Per quanto mi riguarda credo che non potrò mai  diventare un fiero padrone di un canide a causa delle mie cicliche fluttuazioni di impegno relativo ad una qualsiasi attività, questo anche perchè ho ancora un briciolo di coscienza che mi impedisca di fare del male ad un animale non fornendogli tutto quello di cui ha bisogno, ma soprattutto, sottolineo il SOPRATTUTTO, prerchè non ho la benché minima intenzione di assicurarmi per i prossimi 15 (o quanti saranno) anni le uscite mattutine per portarlo a fare una caccheggiata.

Non riesco ad alzarmi per andare a fare cose che sono necessarie alla mia futura sopravvivenza, come ad esempio andare in università per studiare, figuriamoci se mi alzo alle 6:30 del mattino a portare fuori il cane con i coglioni che mi si intirizziscono. Figuriamoci se anche la sera, sfatto dalla fatica, mi alzo dalla scrivania o dal divano per uscire con il vento ed aspettare che il cane faccia la sua cacca. E se poi si vergogna a farla davanti a me? E se poi non gli scappa? E se poi la fa e io la devo raccogliere? A me fa schifo pestare la cacca dei cani, è fastidiosissimo, fa incazzare… “vaffanculo a chi non raccoglie!” , eppure sono sicuro che pur sapendo cosa si prova ad affondare il piede in quella morbida crema marroncina  probabilmente non riuscirei a raccogliere la cacca del mio cane. Non ci voglio nemmeno pensare, ogni volta che mi pongo questioni su come si faccia a raccogliere tecnicamente la cacca di un cane mi blocco, preferisco pensare ad altro. Ogni volta che per strada vedo un cane che l’ha appena fatta e noto che il padrone ha strani aggeggi come bustina di plastica e pinze verdi cerco sempre di non guardare, cerco sempre di non avere la piena certezza che questi tizi infilino la mano in un sacchetto di plastica e si chinino a raccogliere la cacca dei propri cani. Lo so che non c’è nulla di strano o nulla di cui scandalizzarsi ma l’idea che tra la mia mano e la cacca calda del mio cane ci sia solo un sottilissimo strato di pellicola trasparente mi fa terribilmente senso, mi terrorizza, sono un caccafobico. Che poi sinceramente se mi potessi permettere un cane di sicuro sceglierei qualcosa delle dimensioni di una mucca o più probabilmente di Godzilla; e questo semplicemente perchè il mio tempo, il mio impegno, le mia fredde alzatacce mattutine devono essere ricompensate in qualche maniera, devo massimizzare il mio tempo, massimizzare la produzione e qui a quanto pare l’unica cosa che un cane può produrre è la cacca. Ora, un cane di piccola taglia fa delle cacchette insignificanti, mosce, non ci mette impegno, e anche se ce lo mettesse oltre una certa grammatura non potrebbe spingersi a causa di limiti fisici. Un cane di taglia grande come un alano o un mastino napoletano pesano come un essere umano ma mangiano molto di più, indi la loro produzione di escrementi sarà di sicuro superiore a quella di un bassotto o di un chihuahua. Io li chiamo cani da cacca: esistono i cani da caccia che cacciano, i cani da riporto che riportano, i cani da compagnia che tengono compagnia alle vecchie, i cani da tartufo che trovano i tartufi grazie al loro naso allenato…e poi ovviamente esistono i cani da cacca che fanno tanta cacca grazie al loro intestino e alle loro dimensioni mastodontiche.

In conclusione, se proprio mi devo alzare la mattina, se proprio devo uscire con il freddo, se proprio devo rinunciare a 30 minuti della mia giornata per i prossimi 15 anni pretendo di “raccogliere” il massimo da questi miei sforzi, pretendo di raccogliere qualcosa che vada oltre le dimensioni di un’oliva disidratata, pretendo come minimo qualcosa che si avvicini per forma e dimensioni alle GRANDI piramidi, voglio dover uscire di casa con una vanga e una cariola. “Falla tutta bello, valà, se ne fai un altro po’ posso usarla per arrivare al terrazzo di casa senza usare le scale, bravo tesoro mio, bravo!”

Ecco, per il motivo della cacca, ma anche per quello che sono animali grossi e che puzzano, che mangiano come maiali, che azzannano ogni cosa, che necessitano di due caccheggiate al giorno sono sicuro che non possiederò mai alcun cane in vita mia… tutto ciò a meno che non diventi un fiero possessore di un latifondo o in alternativa di un giardino dove sia possibile lasciarlo pascolare e cagare in totale ed estrema libertà o nella remota ipotesi in cui mi assuma un’apposita donna che porti fuori il cane e che ne raccolga la cacca, ma forse in quel caso le affiderei un intero branco di canilupo selvatici rabbiosi per vedere ogni volta come ritorna conciata a casa.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 Responses to Cani da cacca

  1. maria ha detto:

    un giorno, ti ho chiesto, come fare a rinverdire un prato asfittico, dopo le scorribande dei cani,,, tu,,mi hai risposto, come se tu, fossi stato un esperto òle cose di dovere, mi piacevi un sacco, ora,,, dopo avere letto e,,, riso,, all,inizio,, l,ultimo tuo post,, ti diro,, non mi piaci piu tanto,,sei egoista,, secondo me. e ti diro,, due anni fa,, abitavo a torino,, in quello che,,, mio marito chiamava corso monte c(acca) e avevo un maremmano, e raccoglievo,, non con gioia, ma fastidio, come te, ma,, lo facevo,, per rispetto degli altri, ma,, va beehh, dopotutto, tutti c,hanno questi fastidi, ma,,, il post dopo,, della ((CICCIONA) veramente,, mi ha fatto vedere la persona ,,,,(meschina) che sei. a non piu risentirti. m.

    • odiailprossimotuo ha detto:

      Carissima Maria da Torino, purtroppo non ho mai avuto il grande onore e privilegio di conoscerti ma mi piacerebbe molto se un giorno ci incontrassimo per un caffè o una sigaretta (offro io eh), così, giusto per fare due chiacchiere visto che ti reputo (da quel poco che ho potuto capire) una persona davvero…umh, come dire, contorta. E comunque la cicciona era una cicciona, ci tengo a ripeterlo e sottolinearlo; sarò meschino, stronzo, cinico, bastardo, figlio di puttana, ma quello che ho visto era questa cicciona (un dato obiettivo comprovabile scientificamente) che mangiava e che faceva esattamente quello che ho riportato in quel post. Se ti sei sentita offesa dalle mie parole poco ci posso fare. Addio, amore mio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...